Rimedi naturali contro la voglia di dolci

Rimedi naturali contro la voglia dolci

L’idea di mangiare una merendina, di addentare del torrone, di mangiarsi una vaschetta di gelato e di bere una bibita rinfrescante, insomma di consumare qualsiasi cosa contenga una buona dose di zucchero, ci viene sopratutto in certi momenti; questo desiderio, infatti, può essere legato alla stanchezza e alla poca voglia di cucinare, allo stress e quindi alla ricerca di un metodo per sentirci meglio oppure alla tristezza estrema in seguito ad una giornata difficile o ad avvenimenti spiacevoli.

Il passo verso la dispensa e la soddisfazione di questo attacco di fame rivolto verso gli zuccheri e i dolci è molto breve, soprattutto perché stimolato da stati d’animo complicati; ma è meglio non compierlo dato che non ci farà bene, dobbiamo piuttosto soddisfare questo desiderio con alimenti e metodi naturali. Ma vediamo come fare.

Come fermare in modo naturale la voglia di dolci

Innanzitutto non ti allarmare e non pensare di avere un problema irrisolvibile; convinciti piuttosto dell’importanza del tuo benessere, sia fisico che mentale, e stabilisci fino a che punto concederti il consumo di dolci, che è comunque necessario ogni tanto.

Un ottimo alimento per sostituire la merenda dolce è la frutta secca, come le mandorle e noci; vanno consumate anch’esse in modo controllato, ma sono efficaci se vuoi raggiungere l’obiettivo di evitare i dolci perché saziano velocemente e aiutano a combattere un livello basso di seratonina, che determina la voglia di dolci.

Altre idee utili sono quelle di aumentare il consumo di frutta di stagione durante il corso della giornata: oltre a darvi la giusta dose di zuccheri, vi darà infatti una sensazione di sazietà più prolungata senza provocare gli effetti negativi del consumo di cibi zuccherati. È importantissimo inoltre bere del tè verde come pausa sana, e infine abbinare alla frutta dei cibi ricchi di fibre che vi renderanno ancora più soddisfatti della vostra alimentazione sana e pressoché priva di zuccheri.